Prestiti Pensionati Acqualagna

 

Scopri tutto su: Prestiti Pensionati Acqualagna

Prestiti Pensionati Acqualagna: Ottenere un prestito senza avere la busta paga. Ai nostri giorni e assendo ancora in preda ad una crisi pesante, esiste ancora qualche banca che concede un prestito anche senza la garanzia di una busta paga? Avere un prestito sanza avere uno stipendio fisso sembrerebbe una cosa impossibile ma non è proprio cosi, basta avere chi al posto nostro da una garanzia alla banca, il cosiddetto garante. Di solito è una persona affidabile e senza problemi, con una solida posizione economica ed è una figura molto ricercata da chi per sfortuna non ha lo stesso profilo.

Prestiti Pensionati Acqualagna: Il prestito per gli impianti fotovoltaici e solari. Il settore degli impianti solari e fotovoltaici è in grande espansione e sia lo stato con gli incentivi che gli istituti bancari con prodotti appositi, credono molto in questo. Per questo motivo troviamo sul mercato diversi tipi di prestito dedicati alle energie rinnovabili. Chi intende installare pannelli per la produzione di energia elettrica oppure per il riscaldamento dell acqua sanitaria troverà sicuramente quello che fa al caso suo. Gli stessi incentivi statali rendono molto interessante investire in fonti rinnovabili, esistono questi sgravi fiscali che insieme ad eventuali prestiti consentono questo a tutti.

Prestiti Pensionati Acqualagna: Quanto possiamo ottenere. Di norma, l importo ottenibile attraverso i mutui per rifinanziamento si compone di due sotto-valori: il debito residuo del mutuo da sostituire + una nuova quota di liquidità, generalmente proporzionale al valore di perizia dell immobile. La prassi bancaria vuole che la nuova liquidità non possa eccedere il 20-30% del valore di garanzia dell immobile sul quale è iscritta ipoteca di primo grado nei confronti dell istituto di credito subentrante.

Prestiti Pensionati Acqualagna: Cosa è la surroga di un mutuo? La surroga del mutuo o, in alternativa, portabilità attiva del mutuo, è un servizio regolamentato e disciplinato dalla Legge Bersani (il decreto 40-2007) e dalla Legge Finanziaria 2008, che permette al debitore di poter trasferire il proprio mutuo da un istituto di credito a un altra banca, modificando i principali parametri di riferimento dello stesso finanziamento.