Prestiti Pensionati Alcamo

 

Scopri tutto su: Prestiti Pensionati Alcamo

Prestiti Pensionati Alcamo: Il piccolo prestito personale. Non è detto che chi richiede un prestito lo faccia per ottenere sempre grandi cifre, anzi il più delle volte la richiesta viene fatta per esaudire piccole spese e per fare piccole migliorie all abitazione o all azienda. Queste quantità di denaro sono quasi sempre nell ordine dei 4-5.000 Euro e infatti la restituzione avviene nella maggior parte dei casi in uno o due anni, quindi 12 oppure 24 rate. Inutile dire che sono molto richiesti, ma è anche bene dire che prima di fare la domanda bisogna esaminare bene i tassi di interesse, scartando quelli troppo onerosi.

Prestiti Pensionati Alcamo: Cosa è la surroga di un mutuo? La surroga del mutuo o, in alternativa, portabilità attiva del mutuo, è un servizio regolamentato e disciplinato dalla Legge Bersani (il decreto 40-2007) e dalla Legge Finanziaria 2008, che permette al debitore di poter trasferire il proprio mutuo da un istituto di credito a un altra banca, modificando i principali parametri di riferimento dello stesso finanziamento.

Prestiti Pensionati Alcamo: Prestito per il pensionato. Anche il pensionato fa parte di quel tipo di categoria di richiedenti gradito dalle banche, al contrario di un lavoratore dipendente infatti esso ha una sicura pensione da dare in garanzia e proprio per questo offre maggiore affidabilità di chi non ha un reddito stabile. Il pensionato quindi difficilmente si vedrà rifiutare una richiesta di prestito, potendo rimborsare le rate con una comoda cessione del quinto della pensione, cioè facendosi prelevare direttamente dalla pensione la quinta parte della stessa ogni mese.

Prestiti Pensionati Alcamo: Quanto possiamo ottenere. Di norma, l importo ottenibile attraverso i mutui per rifinanziamento si compone di due sotto-valori: il debito residuo del mutuo da sostituire + una nuova quota di liquidità, generalmente proporzionale al valore di perizia dell immobile. La prassi bancaria vuole che la nuova liquidità non possa eccedere il 20-30% del valore di garanzia dell immobile sul quale è iscritta ipoteca di primo grado nei confronti dell istituto di credito subentrante.