Prestiti Veloci Alice Bel Colle

 

Scopri tutto su: Prestiti Veloci Alice Bel Colle

Prestiti Veloci Alice Bel Colle: Cosa è un prestito ipotecario. Il prestito ipotecario come lo si capisce dalla parola è quello in cui come garanzia si da una ipoteca sull immobile che ci accingiamo ad acquistare, la banca che ci da il prestito ci da un importo spesso vicino al valore totale della casa, ne esistono anche al 100 per cento del valore. Ultimamente, a causa della crisi del mercato immobiliare, le banche non sono molto felici di ricevere un immobile in garanzia e sono aumentati i casi di rifiuto della richiesta del prestito per questo motivo.

Prestiti Veloci Alice Bel Colle: La durata del mutuo. Con l operazione di rifinanziamento, il cliente dell istituto bancario potrà altresì sfruttare la potenziale rinegoziazione della durata dell’operazione. Considerato infatti che il suo debito residuo andrà ad aumentare in virtù della sottoscrizione di una linea di credito a sostegno della liquidità aggiuntiva, al fine di evitare un incremento delle rate, sarà possibile allungare l estensione temporale della transazione creditizia. In questo modo il cliente spalmerà il debito su un maggior numero di rate, con contestuale decremento dell importo delle stesse.

Prestiti Veloci Alice Bel Colle: Cosa è la surroga di un mutuo? La surroga del mutuo o, in alternativa, portabilità attiva del mutuo, è un servizio regolamentato e disciplinato dalla Legge Bersani (il decreto 40-2007) e dalla Legge Finanziaria 2008, che permette al debitore di poter trasferire il proprio mutuo da un istituto di credito a un altra banca, modificando i principali parametri di riferimento dello stesso finanziamento.

Prestiti Veloci Alice Bel Colle: Quanto possiamo ottenere. Di norma, l importo ottenibile attraverso i mutui per rifinanziamento si compone di due sotto-valori: il debito residuo del mutuo da sostituire + una nuova quota di liquidità, generalmente proporzionale al valore di perizia dell immobile. La prassi bancaria vuole che la nuova liquidità non possa eccedere il 20-30% del valore di garanzia dell immobile sul quale è iscritta ipoteca di primo grado nei confronti dell istituto di credito subentrante.