Prestiti Veloci Angiari

 

Scopri tutto su: Prestiti Veloci Angiari

Prestiti Veloci Angiari: Niente costi. Il primo elemento che rileva, all interno della disciplina sulla surroga attiva, è la totale gratuità del servizio. In altri termini, la portabilità attiva del mutuo avverrà senza il pagamento di alcuna commissione da parte del debitore che decidesse di usufruire di questa possibilità, ottenendo l opportunità di accedere a condizioni migliorative senza pagare alcun onere, ivi comprese le spese notarili, che dovrebbero esser oggetto di rimborso da parte della banca subentrante.

Prestiti Veloci Angiari: Il mutuo per acquistare la casa. Per tutti noi è il bene primario, quello che tutti desideriamo e nonostante la crisi il mattone è ancora una garanzia specialmente per chi ancora non possiede una abitazione propria ed è costretto a pagare un affitto. La casa è uno dei motivi principali che ci fanno richiedere un prestito per la ristrutturazione oppure un mutuo per l acquisto. I mutui per la casa hanno una durata abbastanza lunga visto che si tratta sempre di cifre importanti, da restituire in tempi che vanno da 15 a 30 anni di tempo.

Prestiti Veloci Angiari: Cosa significa la parola Crif? La parola Crif è un acronimo, cioè le sue lettere sono le iniziali di alcune parole che sono per la precisione Centrale Rischi Finanziari. Non è una bella parola per chi ne fa parte, il Crif infatti contiene i nominativi di tante persone che hanno avuto problemi finanziari in passato o che comunque per vari motivi non hanno onorato i loro impegni e pagamenti. Questo è il principale riferimento per gli istituti bancari e serve loro per misurare in tempi brevi il grado di affidabilità di ognuno di noi, a molti non piace questo metodo ma appare essere molto efficace per le banche.

Prestiti Veloci Angiari: Cosa è la surroga di un mutuo? La surroga del mutuo o, in alternativa, portabilità attiva del mutuo, è un servizio regolamentato e disciplinato dalla Legge Bersani (il decreto 40-2007) e dalla Legge Finanziaria 2008, che permette al debitore di poter trasferire il proprio mutuo da un istituto di credito a un altra banca, modificando i principali parametri di riferimento dello stesso finanziamento.