Prestiti Veloci Antegnate

 

Scopri tutto su: Prestiti Veloci Antegnate

Prestiti Veloci Antegnate: Il mutuo per acquistare la casa. Per tutti noi è il bene primario, quello che tutti desideriamo e nonostante la crisi il mattone è ancora una garanzia specialmente per chi ancora non possiede una abitazione propria ed è costretto a pagare un affitto. La casa è uno dei motivi principali che ci fanno richiedere un prestito per la ristrutturazione oppure un mutuo per l acquisto. I mutui per la casa hanno una durata abbastanza lunga visto che si tratta sempre di cifre importanti, da restituire in tempi che vanno da 15 a 30 anni di tempo.

Prestiti Veloci Antegnate: Nuove condizioni per la surroga. Il secondo vantaggio di rilievo nella disciplina della surroga, consiste nella possibilità – rimessa alla negoziazione tra le parti – di poter avere accesso a condizioni migliorative o più soddisfacenti. Si pensi alla possibilità di abbassare l importo delle rate allungando la durata residua del piano di ammortamento o, ad esempio, alla possibilità di congelare l importo degli stessi pagamenti, scegliendo di indebitarsi a tasso di interesse fisso anziché variabile.

Prestiti Veloci Antegnate: Niente costi. Il primo elemento che rileva, all interno della disciplina sulla surroga attiva, è la totale gratuità del servizio. In altri termini, la portabilità attiva del mutuo avverrà senza il pagamento di alcuna commissione da parte del debitore che decidesse di usufruire di questa possibilità, ottenendo l opportunità di accedere a condizioni migliorative senza pagare alcun onere, ivi comprese le spese notarili, che dovrebbero esser oggetto di rimborso da parte della banca subentrante.

Prestiti Veloci Antegnate: Quanto possiamo ottenere. Di norma, l importo ottenibile attraverso i mutui per rifinanziamento si compone di due sotto-valori: il debito residuo del mutuo da sostituire + una nuova quota di liquidità, generalmente proporzionale al valore di perizia dell immobile. La prassi bancaria vuole che la nuova liquidità non possa eccedere il 20-30% del valore di garanzia dell immobile sul quale è iscritta ipoteca di primo grado nei confronti dell istituto di credito subentrante.