Prestiti Veloci Aradeo

 

Scopri tutto su: Prestiti Veloci Aradeo

Prestiti Veloci Aradeo: Cosa è un prestito ipotecario. Il prestito ipotecario come lo si capisce dalla parola è quello in cui come garanzia si da una ipoteca sull immobile che ci accingiamo ad acquistare, la banca che ci da il prestito ci da un importo spesso vicino al valore totale della casa, ne esistono anche al 100 per cento del valore. Ultimamente, a causa della crisi del mercato immobiliare, le banche non sono molto felici di ricevere un immobile in garanzia e sono aumentati i casi di rifiuto della richiesta del prestito per questo motivo.

Prestiti Veloci Aradeo: Ottenere il prestito dalla banca. Una cosa è certa, le banche prestano sempre meno il loro denaro ai lavoratori autonomi, principalmente perchè essi non offrono le garanzie necessarie alla restituzione di quanto avuto. Il perchè è palese, cioè questo accade per l impossibilità di poter avere con certezza dei guadagni stabili nel tempo, la crisi specie in certi settori ha fatto si che il lavoro sia calato e con esso i guadagni. Un caso a parte lo fanno i lavoratori diepndenti che avendo uno stipendio fisso si vedono accettare quasi sempre le richieste di prestito. Anche i pensionati sono clienti appetibili perchè come titolari di pensione possono tranquillamente restituire quanto ottenuto in prestito, spesso tramite la cessione del quinto.

Prestiti Veloci Aradeo: Quanto possiamo ottenere. Di norma, l importo ottenibile attraverso i mutui per rifinanziamento si compone di due sotto-valori: il debito residuo del mutuo da sostituire + una nuova quota di liquidità, generalmente proporzionale al valore di perizia dell immobile. La prassi bancaria vuole che la nuova liquidità non possa eccedere il 20-30% del valore di garanzia dell immobile sul quale è iscritta ipoteca di primo grado nei confronti dell istituto di credito subentrante.

Prestiti Veloci Aradeo: Cosa è la surroga di un mutuo? La surroga del mutuo o, in alternativa, portabilità attiva del mutuo, è un servizio regolamentato e disciplinato dalla Legge Bersani (il decreto 40-2007) e dalla Legge Finanziaria 2008, che permette al debitore di poter trasferire il proprio mutuo da un istituto di credito a un altra banca, modificando i principali parametri di riferimento dello stesso finanziamento.