Prestiti Veloci Austis

 

Scopri tutto su: Prestiti Veloci Austis

Prestiti Veloci Austis: Cosa è la cessione del quinto? Tra le forme di prestito più usate e anche più avvallate dalle banche c è di sicuro quella che prevede la restituzione delle rate per mezzo della cessione del quinto dello stipendio. Per le banche è un ottimo affare, perchè questo prestito viene concesso solamente a chi dispone di uno stipendio fisso e quindi non ci saranno problemi nella restituzione dello stesso. Possono accedere a questo prestito tutti i titolari di busta paga ma anche chi ha una pensione, infatti sempre più italiani usano questo mezzo per ottenere denaro per le loro spese.

Prestiti Veloci Austis: Cosa è un leasing? Il Leasing dall inglese to lease, è una forma di prodotto finanziario che consente di prendere un bene in affitto e in seguito decidere se tenerlo, pagando un riscatto finale, oppure di cambiarlo con uno più recente, continuando a pagare le rate. Tutto questo potrebbe sembrare oneroso, ma bisogna fare due conti in quanto il leasing offre anche dei vantaggi, per esempio è possibile detrarlo completamente e subito e poi essendo una forma di noleggio, il bene non appartenendo all azienda ma alla società di leasing non sarà caricato sui beni dell azienda e quindi non andrà a gravare sugli studi di settore.

Prestiti Veloci Austis: Nuove condizioni per la surroga. Il secondo vantaggio di rilievo nella disciplina della surroga, consiste nella possibilità – rimessa alla negoziazione tra le parti – di poter avere accesso a condizioni migliorative o più soddisfacenti. Si pensi alla possibilità di abbassare l importo delle rate allungando la durata residua del piano di ammortamento o, ad esempio, alla possibilità di congelare l importo degli stessi pagamenti, scegliendo di indebitarsi a tasso di interesse fisso anziché variabile.

Prestiti Veloci Austis: Cosa è la surroga di un mutuo? La surroga del mutuo o, in alternativa, portabilità attiva del mutuo, è un servizio regolamentato e disciplinato dalla Legge Bersani (il decreto 40-2007) e dalla Legge Finanziaria 2008, che permette al debitore di poter trasferire il proprio mutuo da un istituto di credito a un altra banca, modificando i principali parametri di riferimento dello stesso finanziamento.